Home » CGNotizie » Capitulum Generale 2015: Cronaca 23º giorno

Capitulum Generale 2015: Cronaca 23º giorno

F_day2

La 23a giornata capitolare è coincisa con il 2 giugno, festa della Repubblica Italiana. Nonostante il clima di festa, i lavori per noi sono proseguiti secondo il programma previsto e ci si è nuovamente concentrati sulla presentazione e l’analisi delle proposte elaborate dalle Commissioni.

La sessione del mattino è stata così occupata dalla presentazione delle proposte della quarta Commissione, che si occupa del tema del “Governo e servizio dell’autorità” e delle possibili modifiche agli Statuti generali. Dopo aver presentato le diverse proposte di modifica agli Statuti – provenienti dall’ultimo Consiglio Plenario dell’Ordine, dalle diverse Entità o da singoli Frati – la Commissione ha comunicato le sue osservazioni e le sue proposte di modifica, di mantenimento o, in alcuni casi, di trasformazione delle proposte pervenute in semplici “raccomandazioni”.

Terminata la discussione su questo argomento, si è messa a votazione la metodologia con cui continuare i lavori. Si è così deciso che tanto le proposte, quanto il risultato della discussione di questi giorni in Aula, venisse inviato di nuovo alle Commissioni per un ulteriore studio in vista di una riformulazione sintetica. Le proposte poi, così riformulate, saranno inviate alla “Commissione per la revisione delle proposte”.

Il lavoro del pomeriggio è perciò iniziato con la discussione nelle Commissioni. Nella seconda sessione, invece, ci si è nuovamente ritrovati in Aula dove, dopo la presentazione di alcune esperienze missionarie dell’Ordine, si è proceduto con la votazione per eleggere i due Frati che faranno parte della Commissione Economica del Capitolo.

Con questa votazione si è concluso il lavoro comune della giornata che, però, è continuato a livello personale con la lettura della prima bozza del Documento finale, che sarà discussa domani.

Se la giornata è trascorsa in un normale clima lavorativo, la cena all’aria aperta e la ricrazione successiva, hanno però restituito la necessaria nota festiva alla giornata del 2 giugno.